Intestazione utenze con un contratto di affitto: tutto ciò che devi sapere - Revoluce
  089 0976825     info@revoluce.it     
Attiva subito il tuo contratto con Revoluce | CLICCA QUI

Intestazione utenze con un contratto di affitto: tutto ciò che devi sapere

L’intestazione delle utenze in presenza di un contratto di affitto cambia a seconda delle varie necessità del proprietario e dell’affittuario. Vediamo qui come muoverti in caso di una voltura o un subentro con un nuovo inquilino.

Quando cambi casa, vuoi fare un trasloco in una nuova città o vuoi affittare la tua seconda casa si pone sempre il problema dell’intestazione delle utenze e in particolare di quella della luce. Vorresti da subito dedicarti ad arredi, spese folli e cene inaugurali. Eppure questo problema della luce incombe. Molto spesso riceviamo chiamate per avere delle informazioni riguardo alle nuove utenze.

Oggi, infatti voglio rispondere alle molte domande che mi fanno i nostri clienti e non. Spesso sono ricorrenti e dunque ho redatto questo piccolo articolo come memorandum. Risponderò in particolare a queste domande:

  • chi deve essere intestato il contratto della fornitura elettrica con un nuovo inquilino?
  • cosa fare se il contatore è ancora attivo?
  • cosa fare se il contatore è staccato?
  • chi deve pagare venutali morosità?

 

Intestazione utenze con un contratto di affitto: a chi intestare la fornitura?

L’intestazione delle utenze con un contratto di affitto è un argomento molto importante da discutere appena si entra in una nuova casa.

Infatti, nel 90% dei casi è il proprietario a decidere se mantenere il contratto a suo nome o metterlo a nome dell’inquilino.

Se si tratta di permanenze abbastanza lunghe, solitamente, si fa la voltura del contratto si intesta tutto al nuovo affittuario.

Attenzione: la voltura si può fare se il contatore è ancora attivo.

Cosa fare quindi se c’è un contratto luce attivo?

Se il contratto è attivo, basta fare la voltura ovvero basta fare l’intestazione delle utenze al nuovo inquilino presentando al fornitore questi documenti:

  • dati del precedente intestatario (dati anagrafici presenti sulla vecchia bolletta);
  • anagrafica del nuovo intestatario (dati anagrafici, indirizzo, indirizzo email, rid bancario…);
  • info delle utenze: POD per luce e PDR per gas;
  • indirizzo e lettura del contatore.

Per maggiori informazioni sulla voltura puoi far riferimento a questo articolo: Fare una voltura in 3 passi.

 

Intestazione utenze con un contratto di affitto: cosa fare con un contatore staccato?

Quando si deve fare l’intestazione delle utenze con un contratto di affitto e il contatore è staccato, si deve procedere in modo differente.

Infatti, in questo caso si deve fare un subentro. Si deve far riallacciare il contatore attivando un nuovo contratto per la fornitura della luce (anche qui si deciderà se intestare tutto all’inquilino o al locatore).

Per maggiori informazioni sul subentro puoi far riferimento a questo articolo: Come fare un subentro.

 

Cosa fare se il precedente inquilino era moroso?

L’intestazione delle utenze con un contratto di affitto a volte può portare dei problemi sia all’affittuario che al proprietario. Soprattutto se ci sono delle bollette non pagate.

Infatti se il contatore è attivo ma ci sono delle morosità, il nuovo inquilino non deve necessariamente risponderne in prima persona.

In questo caso basta:

  • presentare un documento di estraneità per dimostrare che non ci sono legami di parentela con il moroso.

Vuoi più informazioni? Contattaci o commenta!