Blocco della fatturazione: cosa fare e come comportarsi

Blocco Fatturazione

A chi non è mai capitato di non ricevere una fattura dal proprio fornitore di energia elettrica o gas e ricevere direttamente un sollecito di pagamento?

Diciamo che con ciò ci si potrebbe ritenere anche fortunati, visto e considerato che in diverse situazioni non arriva neanche il sollecito.

Una fra queste è proprio quella del “blocco della fatturazione”.

 

 

Che cos’è il blocco della fatturazione?

Il blocco della fatturazione è relativo alla mancata emissione delle fatture, in quanto se non è stata nemmeno creata, difficilmente potrà essere consegnata al diretto interessato.

Tipicamente questo disservizio si verifica quando si cambia fornitore o si cambia l’intestazione di un contratto, quindi eseguendo una voltura, per degli errori nel sistema di fatturazione del fornitore, che nulla hanno a che vedere con l’atto pratico di cambiare fornitore o intestazione di un contratto.

Quindi, nonostante il contratto sia andato a buon fine e il conteggio dei consumi ha preso inizio, il fornitore non riesce ad emettere i relativi consumi. Così facendo i mesi passano, i consumi aumentano, e il rischio di ritrovarsi con un importo abbastanza importante è dietro l’angolo. Situazione tipica del conguaglio.

Questo disservizio può durare anche anni se il fornitore non risolve tempestivamente l’anomalia nel suo sistema.

Ma quindi cosa fare?

 

Blocco fatturazione, cosa fare?

Tendenzialmente quando si è davanti a questo disservizio, ma anche ad altri, la prima cosa che si fa è quella di chiamare il servizio clienti e far notare la situazione, aprendo la segnalazione con l’operatore di turno. Magari si tratta solamente di un’unica fattura e di conseguenza si sottovaluta il tutto.

Il problema diventa più evidente quando i mesi passano e le fatture non ricevute diventano 3, 4 o 5 con consapevolezza di ritrovarsi a pagare tutto d’un tratto una cifra, probabilmente, esorbitante, con conseguenti disagi.

Il consiglio che ci teniamo a darvi è quello di non prendere sottogamba il problema ed intervenire con i giusti mezzi, fin dall’inizio, in modo da mettere subito del “pepe” alla situazione. Difatti con le “misure formali” il fornitore avrà tutto l’interesse nel risolvere nel più breve tempo possibile la situazione onde evitare di dover essere richiamato dall’Autorità rischiando sanzioni o altro.

 

Misure formali

Cosa intendiamo per misure formali? Per misure formali intendiamo

una procedura ben definita per gestire al meglio la situazione e avere la meglio sul disservizio, limitando i danni e magari vedersi riconosciuto anche un rimborso per i disagi subiti.

Quando ci si trova dinanzi ad un disservizio, in ogni caso, la miglior soluzione che si può mettere in atto è quella di scrivere un reclamo al proprio fornitore e avere una spedizione che abbia una validità legale.

Per validità legale si intende una spedizione che sia tracciabile e quindi che confermi l’avvenuta ricezione da parte del fornitore.

Rientrano tra questi:

      • Fax.
      • Raccomandata con ricevuta di ritorno.
      • PEC con avviso di consegna.

Con queste 3 modalità si ha la certezza che il fornitore abbia ricevuto il reclamo e pertanto, come previsto dalla legge, inizierà a decorrere un tempo massimo in cui lo stesso dovrà fornitore risposta, pena il riconoscimento di un indennizzo per il consumatore.

Difatti, qualora siano trascorsi questi 40 giorni, o il fornitore abbia risposto al reclamo ma la stessa risposta non sia risultata soddisfacente per la risoluzione della problematica, si avrà la possibilità di proseguire ufficialmente nella risoluzione della stessa attraverso il servizio di conciliazione!

 

Il Tutor Conciliatore

Noi di Revoluce per evitare tutta questa trafila burocratica mettiamo a disposizione dei nostri #revolucionari un professionista esperto nella tutela energetica, ingaggiato da noi per controllare il nostro lavoro e per assicurarsi che ogni giorno facciamo tutto il possibile per tutelare i nostri clienti #revolucionari

Tramite il servizio di conciliazione sono molteplici i risultati ottenuti da parte dei consumatori, tuttavia ciò richiede anche del tempo.

Mediamente sono stati 57 i giorni tra l’avvio della pratica e la risoluzione. Ciò vuol dire che, come una conciliazione si è risolta al primo incontro e magari dopo solamente 20 giorni, per altre ce ne sono voluti 90 di giorni (3 mesi) prima di avere il verdetto definitivo.

Tutto questo, oltre a portare via del tempo, richiede anche un minimo di competenze per capire fin dove è possibile spingersi nel reclamare i propri diritti da consumatore e in alcuni casi può esserci necessità di delegare all’esterno e quindi avere ulteriori spese.

Abbiamo creato questo servizio proprio per far risparmiare ai nostri clienti tempo e denaro e allo stesso tempo permetterci di migliorare sempre!

Con il Tutor Conciliatore, prima di rivolgersi al conciliatore ARERA o di richiedere la consulenza di un legale, si può usufruire di questa consulenza gratuita e far analizzare il proprio caso.

Una volta compresa la situazione, Giovanni si accerterà che noi di Revoluce abbiamo fatto tutto quello che era in nostro potere per aiutare i nostri #revolucionari

Successivamente il Tutor Conciliatore metterà a disposizione, sia a te che al nostro Team, una breve relazione con le sue considerazioni sulla problematica e consigli su come possiamo risolverla, evidenziando tutte le informazioni sui tuoi diritti e modalità aggiuntive di reclamo.

Hai ancora bisogno di risposte?

Utilizza il form per esporci i tuoi dubbi.