I benefici di un impianto fotovoltaico sono tassati? -
  089 0976825     info@revoluce.it     
Attiva subito il tuo contratto con Revoluce | CLICCA QUI

I benefici di un impianto fotovoltaico sono tassati?

Nel corso degli anni sono diversi gli incentivi che si sono susseguiti in materia di fotovoltaico. Essendo dei veri e propri ricavi, sono soggetti a tassazione? In questo articolo approfondiamo tutto il lato fiscale inerente agli incentivi FV

È risaputo che grazie ad un impianto fotovoltaico si riesce ad auto-produrre l’energia di cui si ha bisogno. In alcuni casi, anche di guadagnarci grazie agli incentivi che si sono susseguiti negli anni. Tuttavia, una questione che magari viene sottovalutata riguarda proprio quella della tassazione.

Prima di addentrarci è opportuno distinguere i vantaggi derivanti dall’autoconsumo, da quelli di agevolazioni come incentivi “conto energia” o “scambio sul posto”.

Infatti, il beneficio economico che deriva dall’autoconsumo non è minimamente tassabile, in quanto derivante dalla riduzione dei prelievi di energia dalla rete nazionale. Ciò che invece è soggetto a tassazione è l’introito derivante dalla cessione dell’energia alla rete elettrica.

 

La tassazione sull’energia immessa in rete

Una decina di anni fa vi è stata una massiccia incentivazione all’utilizzo di un impianto fotovoltaico supportata dai vari conti energia. In questo caso non vi era nessuna necessità di preoccuparsi della tassazione in quanto le somme erogate erano destinate ad incentivare l’utilizzo del fotovoltaico e pertanto non costituivano dei ricavi.

Le cose sono cambiate da qualche anno a questa parte, dove gli incentivi hanno cambiato forma trasformandosi in uno scambio sul posto, un vero e proprio scambio virtuale dove avviene la compensazione dell’energia prodotta e non auto consumata, durante le ore in cui l’impianto è in produzione, favorendone l’utilizzo, attraverso questo scambio virtuale, nelle ore in cui l’impianto non riesce a produrre l’intero fabbisogno di consumo.

Oggi chi stipula un contratto di scambio sul posto col GSE riceverà dei pagamenti periodici tramite bonifico, che andranno a costituire un vero e proprio reddito.

 

La liquidazione delle eccedenze

L’energia immessa in rete con lo scambio sul posto non viene retribuita tutta allo stesso modo, ma si suddivide in:

      • contributo in conto scambio dello scambio sul posto;
      • ed eventuale liquidazione delle eccedenze.

In questo caso il contributo in conto scambio non è soggetto ad imposizione fiscale esclusivamente per chi utilizza un impianto per uso domestico o comunque inferiore ai 20 kW di potenza, in quanto viene configurato come un utilizzo privato e non come un’attività commerciale.

Diversa situazione invece è per la liquidazione delle eccedenze: l’energia in eccesso prodotta dall’impianto fotovoltaico potrà essere venduta generando così una vera e propria attività commerciale. 

Chi non possiede partita IVA e ha un impianto sotto i 20 kW di potenza dovrà dichiarare le somme ricevute dal GSE nel modello unico o 730 come “altri redditi”. 

In qualsiasi caso, gli utenti con partita iva, ovvero tutti gli impianti commerciali o comunque sopra i 20kW di potenza, dovranno emettere regolare fattura, pagando cosi iva e imposte dirette, al pari di qualsiasi altra attività commerciale.

 

Dove scaricare la Guida Integrale sul Fotovoltaico

In questa Guida, scoprirai non solo notizie e curiosità relative a quest’energia green, ma sarai guidato passo dopo passo e saprai come funziona un intero impianto fotovoltaico.

Scoprirai:

      • Come funziona un impianto fotovoltaico.
      • La storia che ha portato l’Italia ad essere in cima alla classifica mondiale per produzione di energia solare.
      • Come gestire le proprie fatture quando si sfrutta il fotovoltaico.
      • Quale agevolazioni ci sono state e quali sono oggi presenti.
      • Gli errori da non commettere.
      • Evitare le truffe relative al mondo dell’energia solare.

Cosa aspetti?