Contatore bidirezionale, a cosa serve e come funziona?

Contatore Bidirezionale

Un contatore di energia elettrica è fondamentale per prelevare l’energia dalla rete e permetterne il consumo nella propria abitazione. Questa tipologia di misuratore si può definire tradizionale, in quanto il contatore è in grado di misurare esclusivamente l’energia che è stata prelevate dalla rete e a sua volta fatturata dal proprio fornitore. In termine tecnico questo contatore è definito monodirezionale, proprio per il fatto che l’energia può essere solamente prelevata.

Con il processo di modernizzazione dei contatori elettrici oggi i contatori monodirezionali stanno pian piano diminuendo, in quanto vengono sostituiti da contatori di nuova generazione. I contatori di nuova generazione, conosciuti anche come smart meter, oltre a mettere a disposizione molteplici informazioni per l’utente finale, hanno la caratteristica di essere bidirezionali.

 

I contatori bidirezionali

In particolar modo, quando un utente diventa anche produttore di energia, come nel caso di un’installazione di un impianto fotovoltaico, il suo ruolo non sarà più solamente quello di consumatore e quindi prelevare energia dalla rete, ma bensì potrà anche produrre e quindi immettere energia in rete.

Proprio per questo il contatore bidirezionale diventa fondamentale per poter misurare sia l’energia che viene prodotta e consumata, sia quella prodotta ed immessa in rete.

Ma cosa si riconosce un contatore bidirezionale da uno monodirezionale?

La struttura in sé per sé è uguale tra i due modelli, la differenza che permette di individuare quale tipologia di contatore si ha installato è un disegno raffigurante due freccette poste nel fronte del misuratore.

 

Come si legge un contatore bidirezionale?

Oltre a questa differenza puramente visiva, un contatore bidirezionale si distingue anche per le informazioni che vengono riportare nel display, in quanto sarà possibile visualizzare sia l’energia consumata sia quella immessa in rete, nello specifico:

      • se l’energia prodotta è consumata, la stessa sarà misurata come “Energia Prelevata”, che verranno trasmesse al fornitore e fatturate in bolletta;
      • viceversa, l’energia prodotta e non consumata, viene immessa in rete e sarà misurata come “Energia Immessa”, che verranno trasmesse al GSE per il calcolo dei relativi incentivi.

Un’altra informazione disponibile nel display di un contatore bidirezionale è la misurazione dell’energia suddivisa per fasce, sia per quella consumata che per quella immessa. domanda che in molti si pongono è come vengono conteggiate le misurazioni con il contatore bidirezionale.

Difatti, premendo il tasto sul display, oltre alle più comuni fasce A1, A2 ed A3, che fanno riferimento all’energia prelevata, sarà possibile visualizzare le stesse 3 fasce precedute dal segno “meno”, quindi -A1, -A2 e -A3), che equivarranno all’energia che è stata immessa in rete nel periodo di riferimento.

 

Dove scaricare la Guida Integrale sul Fotovoltaico

In questa Guida, scoprirai non solo notizie e curiosità relative a quest’energia green, ma sarai guidato passo dopo passo e saprai come funziona un intero impianto fotovoltaico.

Scoprirai:

      • Come funziona un impianto fotovoltaico.
      • La storia che ha portato l’Italia ad essere in cima alla classifica mondiale per produzione di energia solare.
      • Come gestire le proprie fatture quando si sfrutta il fotovoltaico.
      • Quale agevolazioni ci sono state e quali sono oggi presenti.
      • Gli errori da non commettere.
      • Evitare le truffe relative al mondo dell’energia solare.

Cosa aspetti?

 

[bigbutton-blu text=”SCARICA LA GUIDA INTEGRALE SUL FOTOVOLTAICO” title=”FV” url=”http://www.barroccu.com/dev/revoluce/wp-content/uploads/2021/05/Guida_fotovoltaico.pdf”]

 

Hai ancora bisogno di risposte?

Utilizza il form per esporci i tuoi dubbi.